Esso riflette, naturalmente, un’opinione del tutto mia personale, che mi ha portato a preferirlo, in primis, a “canzoni per la pace”. Vorrei a questo punto chiarire definitivamente, se mai ce ne fosse ancora bisogno, che non mi ritengo affatto un “pacifista”, né per il mio carattere fondamentalmente rissaiolo (sebbene sia raro che porti a lungo rancore verso qualcuno), né per convinzioni profonde e ideali radicati. Tra le “CCG”, quelle che meglio rispecchiano il mio pensiero sono casomai certe canzoni “nella” guerra; ma questo l’ho già detto non poche volte ed è superfluo che ancora mi ci dilunghi. Dapprima un po’ di “storia”, o un piccolo riassunto della cosa, di com’è nata e di come si è sviluppata.

Il grande pubblico tedesco impara a conoscere quindi Pollina durante l’intero 1993 e adotterà negli anni a venire il siciliano, come un referente di una autentica e moderna italianità. Il 1994 è un anno di intenso lavoro concertistico in duo con il violinista Salvo Costumati in Austria, Belgio, Svizzera e Germania e di innumerevoli festivals in cui fioriscono nuove amicizie e collaborazioni.

Ne segue una lunga tournée fino a metà del 1996 lungo Austria, Svizzera, Germania e per la prima volta Francia e Egitto, culminata con la partecipazione ai Troubadur festival, una rassegna itinerante con Moustaki, Wecker, José Feliciano e Angelo Branduardi. Nel 1996 riceve a Ravensburg, in Germania, il premio "Kupferle Kleikunsreis" come miglior artista della stagione e quello "Forderpreis" a Zurigo. Nel 1997 incide e pubblica "Il giorno del falco" album dedicato al cantautore cileno Victor Jara scomparso durante il golpe militare del 1973.

Principali Motivi Responsabili Di Contacts Are Missing In Outlook Problema Nel File Pst

Per quanto sopra, va da sé che un titolo veramente appropriato per le “CCG” avrebbe dovuto essere lungo un chilometro; ma tant’è. Se questa è stata una raccolta, occorreva che avesse un titolo; e la ragione per cui ho pensato di scegliere “canzoni contro la guerra” l’ho spiegato più volte in questi due mesi e rotti.

  • Potrà morire il viso nascosto di chi oggi la dice, ma la parola che è venuta dal profondo della storia e della terra non potrà essere strappata via dal potere e dalla sua superbia.
  • Pur soggetto a frequenti « cali » nei favori del pubblico, dovuti senz’altro alla sua estrema complessità ed imprevedibilità, Guy Béart è tuttora attivissimo.
  • In realtà il testo risale a circa il 1780 e fu per la prima volta diffuso su dei fogli volanti.
  • Si era soli quattro giorni dopo l’armistizio dell’otto settembre, e gli elbani, che crepavano letteralmente di fame, erano andati in massa in continente per cercare di trovare qualcosa da mangiare.
  • Si tratta, insomma, di quello che oggi si definisce uno “spiacevole effetto collaterale”.
  • Dei quasi mille passeggeri ammassati sul piroscafo, ne morirono 830; praticamente ogni famiglia elbana (compresa la mia) ebbe almeno un morto, quel giorno, sulla maledetta nave.

Come preannunciato, inserisco questo scritto al termine della mia raccolta delle “Canzoni contro la guerra”. E’ dal 1991 l’uscita del https://wikidll.com/pt/microsoft/msvcr120-dll suo terzo album "Nuovi giorni di settembre" che presenterà fino alla fine del 1992 oltre che nei tradizionali paesi di madrelingua tedesca anche in Svezia in diversi teatri e all’università di Stoccolma. In quell’anno Pollina si esibirà in importanti festival Svizzeri quali l’Open air di St. Gallen e quello di Lugano al fianco di personaggi internazionali come Van Morrison e Tracy Chapman. A quel periodo risale la conoscenza con Konstantin Wecker, storico cantautore tedesco.

Il lavoro è fruttuoso e nell’album del 1993 "Le pietre di Montsegur " Wecker canta "Terra" mentre Pollina ricambia nell’album "Uferlos" del bavarese con "Questa nuova realtà". Wecker convince Pollina a cambiare i suoi piani e a partecipare al suo show "Uferlos" in 100 grandi città tedesche e austriache.

Assieme alla partecipazione dei Migliori sessionman elvetici è da ricordare la rinnovata presenza del suo amico wecker in una moderna versione di "Questa nuova realtà". Il tour si snoda lungo un centinaio di date con un quartetto consolidato. Nato a Saigon (ora Città Ho-Chi Minh), ai tempi della guerra le sue canzoni erano sistematicamente proibite dal regime sudvietnamita filoamericano, ed erano notissime anche al Nord. Veniva chiamato, forse con poca originalità, il "Bob Dylan vietnamita". gliuis gliàc) è il più noto rappresentante della Nova cançó catalana; ma, a differenza di Serrat, compone le sue canzoni esclusivamente in catalano.